Top
  >  Home   >  DESTINAZIONI   >  America   >  GUADALUPE, I CARAIBI CHE NON TI ASPETTI

Guadalupe è l’isola più estesa delle Piccole Antille Francesi, ma anche la meno conosciuta e di conseguenza meno turistica, nonostante abbia molto da offrire. Non mancano spiagge bianche caraibiche, foreste pluviali, un vulcano ancora in attività, la barriera corallina, due riserve naturali e le piccole isole che rendono l’arcipelago una destinazione dai mille colori, all’insegna della natura e del relax.

Guadalupe, Caraibi
© AP

Vediamo cosa fare in questa splendida isola nel Mar dei Caraibi.

Guadalupe, l’isola maggiore, soprannominata con il nome di “isola farfalla” per via della sua forma, è divisa in due parti, Grande-Terre e Basse-Terre, separate tra loro dalla Rivière Salée, un canale di sabbia, paludi e foreste di mangrovie. L’arcipelago della Guadalupe comprende anche le isole di Marie-Galante, La Désirade e Iles des Saintes, facilmente raggiungibili con i collegamenti marittimi dai porti principali.

Iguana Caraibi
© AP

Grande-Terre è la parte dell’isola più frequentata, grazie alla presenza di città che offrono le principali attrazioni: Le Gosier, Sainte Anne, Saint François e Pointe-à-Pitre.

Le Gosier è uno dei maggiori centri turistici dell’isola dove si concentrano hotel e locali notturni.

Spiaggia Guadalupe
Spiaggia a Le Gosier – © AP

Sainte Anne è famosa per le sue splendide spiagge, i suoi locali tipici e il coloratissimo mercato.

Saint François è il centro più importante della regione, con alberghi di lusso.

Mar dei Caraibi, Oceano Atlantico
Anse du Souffleur – © AP

Pointe-à-Pitre è il più grande centro abitato dell’arcipelago e il miglior posto per vivere la cultura locale. Trovate i monumenti d’epoca, musei e pittoreschi mercatini di pesce, frutta, spezie e fiori. 

Le spiagge principali dell’isola sono quelle di Sainte Anne, La Caravelle, Bois Jolan, Anse Souffleur, e le spiagge coralline di Pointe des Chateaux, tutte principalmente di sabbia bianca o dorata. Le spiagge sono molto belle, perciò vi consiglio di girarle tutte.

guadalupe, Mar dei Caraibi, Oceano Atlantico
Spiaggia di Bois Jolan – © AP
guadalupe
© AP
guadalupe conchiglie Mar dei Caraibi, Oceano Atlantico
Petite Anse Kahouanne – © AP

Se vi trovate a Pointe des Chateaux, recatevi verso il faro di Punta Colibrì, ottimo per scattare delle foto nel punto in cui l’Oceano Atlantico e il Mar dei Caraibi si incontrano.

guadalupe Antille Francesi Mar dei Caraibi, Oceano Atlantico
Anse des Châteaux – © AP

Basse-Terre, al contrario, è la parte dell’isola più “selvaggia”, montuosa e ricca di vegetazione, grazie alla presenza del vulcano Soufrière, del Parco naturale della Guadalupe e delle cascate del Carbet.

Una delle maggiori attrazioni dell’isola è la Riserva naturale marina del Grand Cul-de-Sac Marin, formata da una foresta pluviale con piccole isole e una barriera corallina. Qui è possibile organizzare gite in barca, per raggiungere le insenature all’interno della riserva e praticare snorkeling sui fondali. Le spiagge in questa parte dell’isola sono di sabbia dorata e sabbia nera, per la presenza del vulcano. Le principali sono: Malendure, Grande Anse e Plage de la Perle

Guadalupe è uno dei maggiori produttori di Rum, perciò sull’isola troverete numerose distillerie e un Museo del Rum. Tra le più importanti, vi consiglio di visitare Damoiseau e Longueteau.

Rhum, distilleria Damoiseau guadalupe
Distilleria Damoiseau – © AP

Facilmente raggiungibili gli isolotti dell’arcipelago. Tra le tre isole principali, abbiamo optato per Iles des Saintes, più piccola e facile da girare in giornata, a piedi o noleggiando uno scooter.

guadalupe Mar dei Caraibi, Oceano Atlantico
Terre de Haute – © AP

La traversata, dal porticciolo di Trois Rivières a Terre de Haute, dura all’incirca 20 minuti, al costo di 18 euro andata e ritorno.

Terre de Haute si presenta come un piccolo borgo di pescatori, con le sue tipiche case di legno colorate. Da non perdere il Fort Napoleon, che ospita anche un museo e domina la parte alta dell’isola. Perfetto per vedere il panorama sulla baia di Iles des Saintes. Facile da raggiungere invece, la spiaggia di Pompierre, una delle più frequentate, con sabbia dorata e immersa tra le palme.

guadalupe spiaggia di Pompierre
Spiaggia di Pompierre© AP

INFORMAZIONI UTILI PER UNA VACANZA A GUADALUPE

guadalupe spiaggia bois jolan
Plage de Bois Jolan – © AP
  • Guadalupe appartiene in tutto e per tutto al territorio francese. Per viaggiare vi basterà solo la carta d’identità, nonostante ci vogliano circa otto ore di volo da Parigi.
  • Arrivati in aeroporto, vi consiglio assolutamente di noleggiare un’auto, perché le distanze tra i vari punti di interesse sono ampie e non è possibile muoversi senza.
  • Ricordatevi che siete ai Caraibi e non in una grande città, perciò abituatevi ai ritmi molto lenti dell’isola ed alle lunghe attese, soprattutto nei ristoranti.
  • Essendoci stata a dicembre, posso dirvi che le temperature sono piacevoli, tra i 25° e 28°. Può capitare qualche temporale passeggero, ma non durano più di 5 minuti.
  • Ho scelto di alloggiare per 9 giorni a Le Gosier, presso il Karibea Beach Hotel, situato sulla spiaggia. Ottima la posizione per raggiungere i maggiori punti d’interesse.
guadalupe spiagge
Spiaggia del Karibea Hotel – © AP

Siete alla ricerca di altri luoghi? Lasciatevi ispirare da altre destinazioni!

Voi siete già stati in qualche altra isola dei Caraibi? Avete qualche consiglio da darci? Lasciate un commento!

Comments:

  • 6 Ottobre 2020

    Una vacanza in Guadalupe mi piacerebbe moltissimo! Non sono ancora stata ai Caraibi e iniziare dai dipartimenti francesi renderebbe tutto molto più semplice.

    reply...
  • 10 Giugno 2020

    Wow, la Guadalupe è un vero paradiso caraibico con questo bel tocco francese. Dev’essere stato un viaggio mozzafiato!

    reply...

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.